IL PROJECT MANAGER DELLE OPERE PUBBLICHE

Calendario

I Modulo: dal 21 al 24 novembre 2017
II Modulo: dal 12 al 15 dicembre 2017


Crediti

  • Il riconoscimento di 53 CFP al presente corso è stato autorizzato dall’Ordine degli Ingegneri di Milano, che ne ha valutato anticipatamente i contenuti formativi professionali e le modalità di attuazione.
  • L'Ordine degli Architetti P.P.C. di Milano ha riconosciuto 20 crediti CFP al corso.
  • Avendo il programma una durata di 64 ore, l'iniziativa permette di acquisire i requisiti formali inerenti la formazione per accedere all'esame di certificazione PMP® del Project Management Institute (PMI)®. chi invece fosse già in possesso di certificazioni PMP® o PgMP® potrà acquisire 64 PDu (36 Technical, 12 Leadership, 16 Strategic). Per il dettaglio della tipologia di PDu rilasciate dal corso per le altre certificazioni del PMI® si prega di visitare la pagina di SDA Bocconi sul portale del PMI® o di contattare il coordinatore del corso.

Perché partecipare

Da più di venti anni SDA Bocconi organizza il corso annuale sul Project manager di opere pubbliche (OO.PP.). Abbiamo realizzato diverse pubblicazioni e libri sul tema, un’assistenza diretta a stazioni appaltanti ed operatori economici sul PM di OO.PP. ed infrastrutture. Il nostro approccio all’argomento è interdisciplinare e per questo molto apprezzato. Il metodo si è affinato e corretto nel tempo, con lo sviluppo di strumenti di management ad hoc. Attraverso questa metodologia è nato e si è affermato il percorso GePROPI di SDA Bocconi.
Il nostro obiettivo è essere al servizio di chi intende investire su questa fondamentale professione, non solamente e genericamente project manager ma questa figura strutturata attorno ad OO.PP. ed infrastrutture.
Negli anni abbiamo teso ad integrare il management di OO.PP. ed infrastrutture con le altre discipline (ingegneria, architettura, diritto, finanza e contabilità ed altre discipline). L’attuale complessità dello scenario (vedi figura sottostante) dà ragione al nostro investimento culturale ed operativo. Abbiamo formato diversi Project Manager (PM) di OO.PP ed infrastrutture che ora sono i maggiori sostenitori di questa iniziativa.
Il programma ha lo scopo di preparare una nuova figura professionale poliedrica; di esaltare la specificità dei servizi di project management (PM) rispetto a quelli di architettura, ingegneria, di tutta la filiera del montaggio, della costruzione e del facility. Il PM deve saper operare all’interno degli appalti, delle concessioni, degli interventi complessi, della nuova qualificazione delle stazioni appaltanti. Deve sapere cosa vuol dire PPP, come il PPP si “monta” lungo tutto il processo. Il PM deve saper individuare le opportunità, la regia, il governo dei rischi, le verifiche e i controlli necessari, seguire l’evoluzione e la tecnicalità del PPP, del PF-concessione e dei suoi principali strumenti.
All’interno del codice dei contratti. Il PM, tramite le competenze acquisite, opera con autorevolezza su più ambiti di intervento. In un ente, la collocazione di un project manager “formato” potrà essere presso la direzione di numerose aree di attività: area tecnica, area di approvvigionamenti e patrimonio, ambito strategico dell’ente/azienda, Società di Progetto, Fondi-SGR, PPP.

Esempio della relazione tra funzione del Project Manager ed integrazione delle conoscenze e discipline all’interno del ciclo di vita di opere pubbliche ed infrastrutture:

Il PM&RUP - Montaggio delle OO.PP. all’interno di un PPP

"La cultura di integrazione del Project Manager di oo.pp ed infrastrutture all’interno del ciclo di vita dell’investimento (Programmazione; D&C: Design&Construction; O&M: Operation&Maintenance); integrazione del PM&RUP dei diversi saperi e discipline: 1. diritto; 2. procedura amministrativa; 3. contabilità; 4. finanza; 5. risk; 6. specialismi; 7. facility management."


A chi è diretto

Il programma è rivolto a:

  • dirigenti manager, responsabili di procedimento/RUP
  • Il nuovo RUP/Project manager che interviene in progetti complessi superiori a 15 milioni di euro
  • figure che intervengono professionalmente in un segmento del ciclo di vita dell’opera pubblica e necessitano di una visione più ampia, moderna e diversa del processo di ideazione, realizzazione e gestione dell’opera
  • coloro che vogliono investire in una nuova professione in rapida espansione
  • chi opera all’esterno dell’ente pubblico e vuole sviluppare la propria professione
  • chi opera in nuovi ambiti esterni all’ente pubblico che richiedono questa competenza (es. Fondi - SGR)

 

"Ottima esperienza. Qualità eccelsa dei docenti. Ottimo mix tra didattica pura, simulazioni e casi pratici. Ottimo clima d’aula e interazione tra classe e docenti."

Riccardo Antonelli, Dirigente Ingegnere, AUSL Toscana Sudest

 


I contenuti

Il riconoscimento certificativo del Project Manager di OO.PP. ed infrastrutture, la valorizzazione, la carriera e l’evoluzione della professione

Il Project Manager (PM)&RUP: specialismo e interdisciplinarietà

1. PM&RUP - La programmazione e i sistemi operativi

  • La programmazione e la progettazione
  • Tecniche di valutazione degli investimenti
  • Studi di fattibilità collegati alla programmazione

2. Montaggio/Assembly. Il PM&RUP e l’evoluzione del management

a) Negli appalti

Il PM&RUP - La progettazione

  • La progettazione nelle sue diverse forme
  • Qualità, qualificazione, controllo e validazione nella progettazione
  • Le nuove forme di progettazione (l’abolizione dell’l’appalto integrato senza più vincoli)
  • Le nuove forme di progettazione dopo il D.lgs 50/2016, D.lgs 56/2017, DM-MIT, Consiglio di Stato e modifiche intercorse
  • Nuovi strumenti, controlli e cultura pubblica per “agganciare” progettazione e realizzazione di opere.

Il PM&RUP - Tecniche e strumenti del project manager applicate al montaggio di infrastrutture ed opere pubbliche

  • La Wbs, i WP, i flow chart e la gestione dei percorsi critici applicati
  • I sistemi informativi di supporto
  • Le tecniche di governo dei processi/prodotti semplici e complessi
  • I nuovi usi della Wbs nella direzione dei lavori
  • Le curve a "s"

Il PM&RUP - La costruzione

  • La direzione dei lavori alternativa a quella tradizionale: diminuisce la componente amministrativa e aumenta quella gestionale (output, tempi, controlli)
  • Il governo della realizzazione e degli stati di avanzamento anche attraverso sistemi informativi
  • La gestione del contenzioso (riserve, sospensioni, varianti) in ambito realizzativo
  • Il “construction manager”

Il PM&RUP - La gestione dell’opera pubblica

  • Le diverse forme di gestione del patrimonio
  • Il Capital asset, il Property e il Facility management.
  • Le manutenzioni.- Il global service
  • La gestione attraverso società miste.- La deregulation nella progettazione, realizzazione e gestione e l’importanza del project management.

b) Nel PPP, nella concessione, nel Real Estate

Il PM&RUP - Il Partenariato Pubblico-Privato (PPP)

  • Il dialogo competitivo
  • Il saper gestire con strumenti adeguati il trasferimento del rischio all’interno del ciclo di vita dell’opera e dell’infrastruttura
  • Gli strumenti diIl governo di un PPP differenti da quelli utilizzati per appalti e concessioni
  • Gli strumenti per gestire ed integrare il D&C (Design & Construction) e l’O&M (Operation & Maintenance)

Il PM&RUP - La concessione

  • La concessione e il promotore
  • La procedura ristretta
  • L’impostazione e gestione dell’offerta economicamente più vantaggiosa
  • Gli strumenti di controllo e di verifica di un Project Manager per quanto attiene una concessione

Il PM&RUP - Il Real Estate

  • L’ideazione e la gestione degli interventi urbani complessIi
  • La valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico di Real Estate all’interno di un  PPP

Il PM&RUP - Montaggio delle OO.PP. all’interno di un PPP

  • La cultura di integrazione del Project Manager di oo.pp ed infrastrutture all’interno del ciclo di vita dell’investimento (Programmazione; D&C: Design&Construction; O&M: Operation&Maintenance); integrazione del PM&RUP dei diversi saperi e discipline: 1. diritto; 2. procedura amministrativa; 3. contabilità; 4. finanza; 5. risk; 6. specialismi; 7. facility
  • La partnership con il privato. - Il reperimento di risorse economiche e finanziarie alternative
  • Il risk management incentrato sulla disponibilità del bene nel tempo: strumento dedicato

3. PM&RUP - Il nuovo Codice (D.lgs 50/2016 e decreti attuativi)

c) Implicazioni, sviluppi ed aggiornamenti

  • L’ideazione e la gestione dei progetti innovativi in materia di opere pubbliche e infrastrutture
  • Il project manager: viziosità presenti e virtuosismi da attivare
  • Convergenza con profili presenti e da rafforzare
  • I diversi ruoli del project manager all’interno del ciclo di vita dell’opera pubblica
  • Esperienze applicative della SDA Bocconi negli enti pubblici e locali.
  • Il project manager e la nuova qualificazione della stazione appaltante
  • Per i lavori complessi (superiori ai 15 milioni di euro) come trasformare il RUP in Project manager

Pubblicazioni del Direttore

Il Public- Private Partnership:
l'evoluzione Stato-mercato in opere pubbliche e infrastrutture
Roma, Carocci Editore, 2017

Il volume illustra il concetto e l’applicazione del partenariato pubblico-privato (PPP) per le opere pubbliche e per le infrastrutture. Si può così leggere come l’evoluzione Stato-mercato abbia permeato l’Italia negli ultimi venti-trent’anni nell’ideazione, costruzione, gestione e funzionamento di questo settore, e prefigurare anche lo scenario futuro. Il testo introduce il concetto di montaggio (assembly) del PPP, cioè la creazione di un’equivalente impresa pubblica e privata strategica per il paese. Il futuro dell’Italia dipenderà anche dalla capacità di creare una struttura di PPP in grado di guidare lo sviluppo, con una revisione di discipline, professioni, saperi e conoscenze accademiche con nuovi profili, strumenti e competenze. Infine, il libro prende in esame sul PPP i fondamenti del D.Lgs. 50 del 2016 (CDCP) e il decreto correttivo del 19 aprile 2017 e ne analizza le applicazioni.


Il mix didattico

L'efficacia della didattica è garantita dalla combinazione dei seguenti elementi:

  • metodologie e tecniche di tipo “avanzato”, già sperimentate nei numerosi corsi già svolti
  • stretta aderenza al contesto e ai vincoli in cui opera l'ente
  • impiego di metodi didattici ‘attivi', con il continuo coinvolgimento dei partecipanti in casi e simulazioni
  • stimolo del confronto fra partecipanti e fra partecipanti e docenti, in una logica interattiva, anziché frontale, di conduzione dell'aula

Questo programma di formazione è sviluppato in sinergia con PREM - Pubblic Real Estate Management Lab di SDA Bocconi: un luogo di creazione e diffusione di conoscenza, di profilo internazionale, sul Public Real Estate applicato a opere pubbliche, infrastrutture, asset immobiliari pubblici e privati. www.sdabocconi.it/prem


Prezzo:

€ 3200.00 + IVA


Programma che fa parte del percorso:

PERCORSO GESTIONE DEI PROCESSI REALIZZATIVI DI OPERE PUBBLICHE E INFRASTRUTTURE - GePROPI

GePROPI è un progetto formativo primo ed unico in Italia pensato per fornire una conoscenza organica e integrata di tipo gestionale in materia di opere pubbliche, infrastrutture, patrimonio, territorio ed interventi urbani complessi.