LA GOVERNANCE PER IL SUCCESSO DELLE IMPRESE NON QUOTATE

Come trarre il massimo beneficio dal Consiglio di Amministrazione e dagli Organi Societari


Calendario

dal 22 al 25 marzo 2017


A chi è diretto

Il  programma si rivolge a:

  • presidenti e amministratori delegati;
  • altri consiglieri di amministrazione;
  • direttori generali;
  • direttori amministrativi e finanziari;
  • membri del collegio sindacale;
  • azionisti  e soci di società di capitali
  • imprenditori

Per favorire la messa in pratica del lavoro d’aula, l’iscrizione di più persone della stessa impresa è fortemente consigliata.


"Il corso fornisce strumenti pratici e di immediato utilizzo per una corretta progettazione della Governance."

Michela Conterno, AD, Lati SpA


Perchè partecipare

Il programma intende aiutare i partecipanti a riflettere sul loro modello di governance:

  • Per capire come migliorarne l’assetto e il funzionamento
  • Per rendere più incisivo il loro contributo ai processi decisionali

In particolare l’iniziativa fornisce conoscenze, esperienze e strumenti concreti per:

  • Valutare i punti di forza e di debolezza del proprio CdA e, in generale, del proprio sistema di organi di governo (dal Top management all’Assemblea dei Soci)
  • Definire le esigenze di cambiamento 
  • Identificare le soluzioni e gli interventi possibili
  • Rafforzare le competenze di governance individuali

Aspetto qualificante del programma è una faculty con esperienza diretta di governance di aziende complesse, quotate e non quotate, e con vari assetti proprietari: familiari, controllate da coalizioni di imprenditori, ad azionariato diffuso o partecipate da investitori istituzionali.

Il programma, fortemente interattivo, include una simulazione di riunione di CdA.


Contenuti

  • Che cosa si intende per “buona governance”, e perché è necessaria anche per imprese non quotate
  • Progettare e gestire una governance efficace I ruoli, le responsabilità e il funzionamento dei diversi organi
    - l’Assemblea dei Soci
    - il CdA di società operativa e di holding
    - i Comitati endo-consiliari
    - il Collegio sindacale
    - la ricerca dei Consiglieri esterni e Sindaci: chi, come e quando
    - la costruzione del giusto mix di organi formali e informali e l’efficace organizzazione dell’informalità
    - il disegno dei controlli interni, la 231 e l’Organismo di Vigilanza
    - la scelta degli assetti societari
  • Partecipare alla governance. Il lavoro individuale e collegiale
    - il ruolo e le sfide dei diversi tipi di consiglieri: Presidente, Amministratore delegato, co-Amministratori delegati, Consiglieri executive, Consiglieri non executive
    - la dialettica all’interno del CdA e tra CdA e top management: come valorizzare la varietà di prospettive
  • La governance in azione. Alcuni processi chiave
    - la definizione dell’agenda del CdA
    - l’indirizzo e il controllo delle scelte strategiche e delle performance
    - la valutazione dei manager
    - la gestione del sistema dei controlli interni e della 231
    - il governo dei rapporti tra casa madre e controllate
    - il governo del ricambio generazionale al vertice
    - la formazione alla governance dei nuovi soci e consiglieri
    - gli accordi proprietari e l’ingresso e l’uscita di soci
    - la preparazione alla quotazione e alle altre operazioni sul capitale
    - la comunicazione con gli stakeholder rilevanti

 

Faculty

Giuseppe Airoldi

Guido Corbetta

Massimo Livatino

Alessandro Minichilli

Daniela Montemerlo

Paolo Morosetti


Prezzo:

€ 3000.00 + IVA